In occasione del convegno organizzato dalla società scientifica americana Tear Film & Ocular Surface Society (TFOS), alcuni esperti mondiali di malattie oculari hanno lanciato un allarme: i cosmetici per il viso possono aggravare la sindrome dell'occhio secco.

La parola agli esperti

La sindrome dell'occhio secco consiste nell'evaporazione del film lacrimale, il che rende meno fluido lo sbattere delle palpebre, causando danni anche importanti. Nel corso di un convegno svoltosi a Roma, alcuni esperti hanno illustrato, prove alla mano, alcuni dei fattori scatenanti di questa patologia.
«Abbiamo condotto diversi studi che dimostrano un'aumentata incidenza di reazioni avverse ai cosmetici per gli occhi come irritazioni, allergie, dermatiti da contatto, blefariti e sindrome dell'occhio secco», ha sottolineato Amy Gallant Sullivan, direttore esecutivo di TFOS.

«In particolare, il make up può influire in modo determinante sul film lacrimale, la pellicola che serve a proteggere la cornea da essiccazione e infezioni, aiutando ossigenazione e idratazione. È sufficiente che minuscole particelle di cosmetici raggiungano la superficie oculare per dare il via al disturbo, oppure accentuarlo!» , puntualizza il professor David A. Sullivan, docente associato di oftalmologia alla Harvard Medical School di Boston (Usa). Alcuni ingredienti contenuti nei cosmetici possono contribuire a rendere più sottile lo strato oleoso del film lacrimale, favorendo una più rapida evaporazione e contribuendo alla secchezza.

«Il 15-30% dell’eyeliner applicato sul bordo della palpebra, per esempio, finisce sull’occhio dopo soli 5 minuti», continua l’esperto. Ma non solo: uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Auckland (Nuova Zelanda) ha dimostrato come, dopo tre mesi di utilizzo, sul 30% degli spazzolini per il mascara si accumulino sebo, cellule morte, acari e batteri; tutti in grado di contaminare il prodotto e aumentare i rischi di sindrome dell’occhio secco.

Il make-up può alterare il film lacrimale.

«Inoltre, alcune sostanze contenute nelle creme antiage e per il contorno occhi possono avere effetti negativi sulle ghiandole di Meibomio, che secernono lo strato più esterno del film lacrimale. Mentre certi conservanti impiegati nei cosmetici, come anche la colla usata per applicare le ciglia finte, risultano molto aggressivi per i componenti naturali delle lacrime», ha affermato l’esperto. Molti ingredienti interferiscono con l'equilibrio della superficie oculare, causando così irritazione e i sintomi dell'occhio secco.

Una patologia diffusa tra le donne

L'OMS ha definito quella dell'occhio secco "uno tra i più ignorati e sottovalutati disturbi della società moderna." Le tematiche di diagnosi e trattamento di tale patologia sono ancora molto sottovalutate in Europa. Ad esserne colpite sono soprattutto le donne, il 50% delle over 45 e fino al 90% di quelle in menopausa. In parte è colpa degli estrogeni, che inducono una maggiore evaporazione del film lacrimale. Un fenomeno che si accentua con le variazioni dei livelli ormonali tipiche della menopausa.

Nel mondo la grande passione per i cosmetici per il viso coinvolge circa il 75-80% delle donne. Si consideri ora che oltre il 90% delle donne usa il makeup oltre la data di scadenza indicata sulla confezione, il 50% non legge le indicazioni di scadenza e il 20% non ne è proprio a conoscenza.

Ecco perché è fondamentale il rispetto di alcune regole basilari: «Struccarsi sempre con cura a fine giornata; tenere presente che i cosmetici waterproof, più difficili da togliere, richiedono detergenti piuttosto aggressivi che possono finire all’interno della congiuntiva e danneggiare le ghiandole che secernono le lacrime; non indossare troppo a lungo le ciglia finte; sostituire i mascara e le matite occhi ogni tre mesi e, comunque, evitare di utilizzarli dopo la data di scadenza», elenca il professor Sullivan.

Noi suggeriamo anche di acquistare sempre cosmetici di buona qualità. Soffermatevi a leggere l'INCI di ciascun prodotto. Tutti i cosmetici ricchi di siliconi, parabeni, petrolati andrebbero evitate in favore di prodotti a base di elementi naturali.

L'unica arma davvero efficace contro la sindrome dell'occhio secco è la prevenzione. Ad oggi non esiste una terapia risolutiva, si possono solo tenere sotto controllo i sintomi. Per trovare sollievo lo strumento migliore sono le lacrime artificiali prive di conservanti. In caso di occhi rossi o irritati, non tardate a rivolgervi al vostro oculista. Vi lasciamo alcuni link utili per l'acquisto delle gocce umettanti:

Blink Contacts

Blink Contacts Monodose