I depositi di proteine sulle lenti a contatto possono avere tutta una serie di conseguenze. Innanzitutto possono rendere le stesse lenti a contatto molto meno confortevoli di quanto dovrebbero essere. Infatti i depositi proteici una volta aderiti alla superficie riducono la possibilità che la lente a contatto possa mantenere il giusto grado di umidità e di idrofilia.

Inoltre i depositi proteici possono anche causare una sorta di annebbiamento della visione: sulle lenti a contatto si creano come delle piccole macchie che rendono la vista sfocata in quei punti. Questo può comportare non pochi problemi durante il normale svolgimento della vita quotidiana, come è facilmente intuibile.

Per togliere le proteine dalle lenti, fondamentale è quindi la fase di pulizia delle lenti a contatto. Ma nonostante questo sulla lente possono comunque rimanere dei fastidiosi depositi. Inoltre quanto più tempo si indossano le lenti a contatto tanto maggiore è la possibilità che si formino tali depositi, che andranno quindi tolti con maggiore frequenza (e spesso con maggiore difficoltà).

Una prima soluzione per evitare i depositi di proteine è quello di utilizzare delle lenti a contatto usa e getta: queste non hanno bisogno di manutenzione o pulizia e vanno semplicemente cambiate una volta usate.

Se invece non si usa questo tipo di lenti, allora per rimuovere le proteine risulta necessario utilizzare una soluzione apposita per le lenti a contatto. In particolare, per togliere le proteine dalla superficie delle lenti a contatto è consigliabile usare la soluzione unica: così eliminerete le proteine mentre svolgete la normale manutenzione delle lenti a contatto.

Ecco quindi come fare per eliminare le proteine dalle vostre lenti a contatto. E qui di seguito potete trovare qualche utile prodotto proposto per voi da 123Optic:

Boston Simplus

AOSept Plus

Easysept